Avviso assegnazione contributi per gestori centri estivi 2020 - Comune di Castelbolognese

Vai ai contenuti principali
 
 
 
 
Sei in: Home / Archivio Notizie / Avviso assegnazione contributi per gestori centri estivi 2020  
Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Invia per email
 

Avviso assegnazione contributi per gestori centri estivi 2020

 

AVVISO E DISCIPLINARE PER L’ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AI SENSI DELL’ART. 12 DELLA LEGGE N. 241/90

Il Comune di Castel Bolognese - Servizio Infanzia e Servizi Educativi Integrativi intende concedere per l’anno 2020 contributi per attività ed iniziative riguardanti l'avvenuta organizzazione dei Centri Ricreativi Estivi nel proprio territorio quale forma di sostegno ai soggetti gestori di tali attività, ritenuta fondamentale aiuto alle famiglie nel periodo estivo

In particolare i contributi sono destinati al sostegno delle attività ricreative rivolte a bambini/ragazzi dai 3 ai 17 anni svolte durante l’estate 2020 nel  territorio comunale quale sostegno finalizzato alla riduzione del disavanzo del bilancio dell’iniziativa estiva determinato dall’accrescimento dei costi di gestione 2020 per l’adeguamento, sia sotto il profilo delle maggiori dotazioni che dei maggiori costi di personale, alle disposizioni emanate dagli appositi organi istituzionali per contrastare la diffusione dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

SOGGETTI BENEFICIARI DEI CONTRIBUTI
I contributi possono essere concessi a soggetti privati, associazioni, fondazioni ed altre istituzioni di carattere privato, dotate di personalità giuridica che
esercitano la loro attività a favore della popolazione del territorio di Castel Bolognese.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
I soggetti che intendono beneficiare dei contributi devono presentare domanda all'Unione della Romagna Faentina entro il 20/01/2021, sul modello di cui all'Allegato A1 modulo domanda compilabile (107kB - DOC) compilando tutte le dichiarazioni/dati ivi indicati; la domanda deve essere redatta conformemente alla dichiarazione sostitutiva di certificazione/atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 ed accompagnata dalla fotocopia non autenticata di un documento di riconoscimento in corso di validità del/i legale rappresentante.

In particolare le domande dovranno riportare le seguenti dichiarazioni, informazioni ed indicazioni:

a. natura giuridica del soggetto richiedente, con l’indicazione degli estremi dell’atto costitutivo, nonché gli elementi di identificazione, anche fiscale, della persona abilitata ad esercitare, nei confronti di terzi, la rappresentanza del soggetto richiedente;

b. denominazione e programma dell’iniziativa per la quale si richiede il sostegno economico;

c. quadro economico a consuntivo dell’iniziativa, ripartito nelle voci di entrata e di spesa, con l’indicazione di eventuali contributi percepiti, anche sotto forma di beni e servizi, da altri soggetti privati;

 

MISURA DEI CONTRIBUTI
I contributi saranno concessi nella misura massima del 75% della spesa per le singole attività e/o iniziative ammissibili e comunque potranno essere concesse risorse solo fino al raggiungimento del pareggio tra le spese sostenute e le entrate accertate nel bilancio dell’iniziativa.Per i contributi di cui al presente bando è previsto uno stanziamento massimo complessivo di € 7.500,00.

CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI
I contributi sono concessi ai soggetti ritenuti idonei sulla base della rendicontazione presentata seguendo un criterio di proporzionalità rispetto al punteggio ottenuto.
Sono escluse le domande che:
a. non rientrano nella tipologia degli interventi precedentemente individuata;
b. non presentano i requisiti di cui ai punti (a),(b),(c),(d) del precedente punto “Presentazione delle domande”;
c. sono prive del consuntivo relativo a precedenti contributi.

SPESE AMMISSIBILI
Sono ammissibili a contributo le seguenti spese:
a) acquisto di beni e servizi per la realizzazione delle iniziative che risultino congrue rispetto alle tipologie di contributo sopra riportate, dimostrate
con regolari documenti fiscali, dai quali risulti l’attività svolta. Sono ammessi anche acquisti di attrezzature e materiali per allestimenti con
natura di beni non ammortizzabili;
b) promozione e comunicazione (es. acquisto spazi pubblicitari, campagne stampa, ecc);
c) attività svolte dal personale dipendente incaricato. Gli uffici dell'Unione, in fase di controllo, potranno verificare, anche a campione, la regolarità della condizione lavorativa del personale dipendente incaricato o impiegato per l’attività oggetto del contributo;
d) consulenze tecniche e progettuali per la ideazione della manifestazione/iniziativa o degli strumenti di promozione e comunicazione. La consulenza deve risultare da specifica lettera d’incarico o contratto di collaborazione professionale sottoscritto dalle parti interessate, dalla quale emerga la specifica destinazione dell’attività al progetto per il quale si chiede il finanziamento.

Non sono ammissibili le seguenti spese:
a) spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute dagli organizzatori;
b) oneri finanziari;
c) spese per investimento, acquisto beni e relativi ammortamenti salvo attrezzature e materiali per allestimenti di modesto valore;
d) oneri fiscali (IVA), se detraibili.

VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE
Gli elementi e i criteri di valutazione delle proposte sono riepilogati nella griglia presente nell'avviso, comprensiva dei punteggi assegnabili in ragione dei parametri che verranno valutati. A seguito della valutazione delle domande verrà redatto un elenco dei progetti meritevoli che costituirà il riferimento per l'attribuzione dei contributi 2020 a esaurimento della disponibilità prevista.

La richiesta di contributo viene esclusa laddove da sola superi lo stanziamento previsto nel Bilancio di Previsione e del Piano Esecutivo di Gestione, salvo l’adeguamento del progetto da parte del richiedente, al fine di rientrare entro tale limite.

EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI
L’erogazione dei contributi ai soggetti beneficiari avverrà in unica soluzione ad avvenuta esecutività della determinazione dirigenziale.
I contributi saranno assoggettati alle ritenute fiscali previste dalle disposizioni vigenti al momento delle relative concessioni.
Il Dirigente del Settore Servizi alla Comunità determina inoltre i soggetti e le iniziative escluse, con indicazione dei motivi, salvo casi particolari nei quali,
possa derivare pregiudizio del diritto alla riservatezza.

RAPPORTO CON GLI ASSEGNATARI
L'Unione non assume, sotto nessuno aspetto, responsabilità alcuna in merito all’organizzazione ed allo svolgimento dell’iniziativa per la quale è stato
accordato il contributo. Nessun rapporto od obbligazione dei terzi potrà essere fatto valere nei confronti dell’Unione che, verificandosi situazioni irregolari o che comunque necessitino di chiarimenti, può sospendere l’erogazione delle quote di contributo e, a seguito degli accertamenti, deliberare la revoca del contributo stesso.

MODELLI DI DOMANDA E PRESENTAZIONE

Modelli per la compilazione della domanda:

L’invio, entro il 20/01/2021, della domanda dovrà avvenire in uno dei seguenti modi:

• via PEC posta elettronica certificata a pec@cert.romagnafaentina.it  In questo caso la documentazione dovrà essere stampata, firmata e
scansionata.

• Mediante posta raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo: Unione della Romagna Faentina, Piazza del Popolo n. 31 –
48018 Faenza (le domande a mezzo posta raccomandata, dovranno essere spedite almeno tre giorni prima della scadenza del termine e farà fede il timbro dell’ufficio postale).

• Consegnati presso l’Ufficio Istruzione – Infanzia del Comune di Castel Bolognese - Piazza Bernardi, 1 - 48014 Castel Bolognese (RA)

 

Per informazioni in ordine al presente avviso è possibile contattare il numero 0546/691674 - e-mail: cristina.santandrea@romagnafaentina.it