Prevenzione della Corruzione - Comune di Castelbolognese

Vai ai contenuti principali
 
 
 
 
Sei in: Home / Comune / Amministrazione... / Altri contenuti / Prevenzione della Corruzione  

Prevenzione della Corruzione

Riferimenti normativi: Art. 43 comma 1 D. Lgs. 33/2013

Art. 43 -  Responsabile per la Trasparenza

 All'interno di  ogni  amministrazione  il  responsabile  per  la prevenzione della corruzione, di cui all'articolo 1, comma  7,  della legge 6 novembre 2012, n. 190,  svolge,  di  norma,  le  funzioni  di Responsabile per la trasparenza, di seguito «Responsabile», e il  suo nominativo e' indicato nel Programma triennale per la  trasparenza  e l'integrità. Il  responsabile  svolge  stabilmente  un'attività'  di controllo  sull'adempimento  da  parte   dell'amministrazione   degli obblighi  di  pubblicazione   previsti   dalla   normativa   vigente, assicurando la completezza,  la  chiarezza  e  l'aggiornamento  delle informazioni pubblicate, nonché' segnalando all'organo  di  indirizzo politico,   all'Organismo   indipendente   di   valutazione    (OIV), all'Autorità  nazionale  anticorruzione  e,  nei  casi  più  gravi, all'ufficio di disciplina i casi di mancato o  ritardato  adempimento degli obblighi di pubblicazione.

*****************

 

 

A seguito della Convenzione per il conferimento all'Unione della Romagna Faentina delle funzioni relative alla prevenzione e repressione della corruzione ed in materia di trasparenza ,a partire dal 2018  è nominato un solo RPCT  per i 7 enti e viene approvato un unico Piano di prevenzione 

 

La documentazione è disponibile sul sito dell'Unione: 

Responsabile per la prevenzione della corruzione e la trasparenza

Piano triennale per la prevenzione della corruzione e la trasparenza

Piani triennali per la prevenzione della corruzione e la trasparenza

 
 

*********************************

  • Atti di adeguamento a provvedimenti ANAC

    Riferimenti Normativi: Art. 1 c. 3  L.190/2012

    Art. 1.Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione

    3. Per l'esercizio delle funzioni di cui al comma 2, lettera f), l'Autorità nazionale anticorruzione esercita poteri ispettivi mediante richiesta di notizie, informazioni, atti e documenti alle pubbliche amministrazioni, e ordina l'adozione di atti o provvedimenti richiesti dai piani di cui ai commi 4 e 5 e dalle regole sulla trasparenza dell'attività amministrativa previste dalle disposizioni vigenti, ovvero la rimozione di comportamenti o atti contrastanti con i piani e le regole sulla trasparenza citati.
    (comma così sostituito dall'art. 41 del d.lgs. n. 97 del 2016 )

    *****

     
  • Atti di accertamento delle violazioni

    Riferimenti normativi: D. lgs 39/2013 art. 18 c. 5

    Art. 18.   Sanzioni            

    1. I  componenti  degli  organi  che  abbiano  conferito  incarichi dichiarati nulli sono  responsabili  per  le  conseguenze  economiche degli atti adottati. Sono esenti da responsabilita' i componenti  che erano assenti al momento della votazione, nonche'  i  dissenzienti  e gli astenuti.  

    2. I  componenti  degli  organi  che  abbiano  conferito  incarichi dichiarati nulli non possono per tre mesi conferire gli incarichi  di loro competenza. Il relativo potere e' esercitato,  per  i  Ministeri dal Presidente del Consiglio dei Ministri e  per  gli  enti  pubblici dall'amministrazione vigilante.  

     3. Le regioni, le province e i comuni  provvedono  entro  tre  mesi dall'entrata in vigore del presente  decreto  ad  adeguare  i  propri ordinamenti individuando le procedure interne e gli organi che in via sostitutiva possono procedere al  conferimento  degli  incarichi  nel periodo di interdizione degli organi titolari.  

     4.  Decorso  inutilmente  il  termine  di  cui  al  comma  3  trova applicazione la procedura sostitutiva di  cui  all'articolo  8  della legge 5 giugno 2003, n. 131.  

    5. L'atto di accertamento della violazione delle  disposizioni  del presente decreto e' pubblicato sul sito dell'amministrazione  o  ente che conferisce l'incarico.